s

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

Iscriviti alla newsletter

Kokoroko, band composta da otto giovani musicisti tra i venti e i trent’anni, rappresenta una delle formazioni più carismatiche della scena nu jazz britannica. Il collettivo, guidato dalla trombettista Sheila Maurice-Grey, arriva in Italia per un tour estivo promosso da Bass Culture in collaborazione con Re::Life, che attraversa cinque città: il 5 agosto a Gorizia per Musiche dal Mondo, il 6 agosto all’interno della rassegna Acieloaperto di Cesena, il 7 agosto ad Agrigento per il Festivalle, l’8 agosto nella capitale per l’iniziativa “Villa Ada Roma incontra il Mondo” e il 10 agosto al Locus Festival a Locorotondo (BA). Il gruppo si ispira ai grandi maestri creatori dell’afrobeat come Fela Kuti, Ebo Taylor e Tony Allen, e si inserisce nella lunga tradizione della scena africana a Londra. Queste solide radici riprese, innescate nell’attuale fermento musicale londinese danno, vita ad un particolare sound afrobeat che sconfina in più generi: dal funk al jazz, dalle musiche

Il tour estivo in Italia dei Sons of Kemet, promosso da Bass Culture, prevede ben sei appuntamenti lungo lo stivale in cui sarà possibile essere catturati live dal nuovo suono della band britannica: il 29 luglio nella Rocca Malatestiana di Fano per Fano Jazz By The Sea, il 30 luglio a Villa Ada a Roma, il 5 agosto nel cortile esterno del Teatro Sociale Capovolto di Trento, il 6 agosto al festival Musiche dal Mondo di Gorizia, il 7 agosto al Dromos festival di Bauladu (OR) e il 12 agosto al Locus Festival di Locorotondo (BA). Il tour italiano del quartetto nominato ai Mercury Award arriva dopo l’uscita il 14 maggio 2021 di “Black to the future”, l’ultimo progetto firmato dalla storica etichetta Impulse! Records. L’album è una chiara e netta affermazione dell’identità nera, lo stesso Shabaka Hutchings lo rimarca dicendo «Il significato di questi brani non è universale, il contesto culturale di chi ascolta è ciò che darà forma alla sua comprensione». Un poema sonoro frutto di “rabbia, frustrazione e percezione emerse dopo la morte di George Floyd e le proteste di