fbpx
s

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

La femme.

Poche band hanno rinvigorito il pop francese come i La Femme nell’ultimo decennio.
Paradigmes, il tanto atteso terzo album della band di Biarritz, offre un cambiamento nel modo di vedere il mondo, un caleidoscopico vortice verso una dimensione diversa e più vibrante.

 

La Femme ha sempre assimilato i suoni che la circondano. Il loro album di debutto del 2013 Psycho Tropical Berlin ha reso omaggio al kosmische, al surf rock e alle onde fredde; il secondo – Mystère del 2016 – ha ibridato elementi di psych disco, iconografia egiziana e sapori inebrianti tratti dall’hip hop Motown degli anni ’90. È musica per l’era di Internet, che attinge al buon gusto vintage ed eclettico del passato, in cui i collage giocosi su suoni dadaisti vengono trasformati in qualcosa di esuberante e straordinario, con l’esuberanza di testi che sono divertenti e filosofici.

 

I due principali cantautori che hanno fondato insieme la band, Sacha Got e Marlon Magnée, sono il cuore tradizionale di La Femme, la loro visione è consolidata sul palco dalla magistrale sezione ritmica di Sam Lefevre e Noé Delmas (rispettivamente basso e batteria), e sublimato dal talento vocale di cantanti come Alma Jodorowsky, Clara Luciani, Clémence Quélennec, Grâce Hartzel e Jane Peynot: “Ci sono un sacco di musicisti jazz in questo album”, dicono Got e Magnée, “e un sacco di cantanti donne – come c’erano nei dischi precedenti. Il suonatore di banjo su “Disconnexion” viene da Memphis. Ma come sempre, non ci sono artisti ufficiali in primo piano o apparizioni di guest star”.

Provenienza

Francia

Disponibilità

Italia

Contatto